Italia

Coronavirus. Fase 2: si può andare dalla fidanzata

Palazzo Chigi ha chiarito che per congiunti si intendono "parenti e affini, coniuge, conviventi, fidanzati stabili, affetti stabili". E dunque, dal 4 maggio si potrà andare a visitare non solo genitori, figli, nonni, nipoti e consanguinei o persone a cui si è legati giuridicamente ma qualsiasi persona alla quale si sia legati da una relazione affettiva stabile.

A questo proposito il presidente del Consiglio Giuseppe Conte chiarisce: "Lo preciseremo nelle faq, ma non significa che si può andare a casa di amici, a fare delle feste. Si andranno a trovare persone con cui ci sono rapporti di parentela o stabili relazioni affettive".

Fino a che grado di parentela si può estendere il termine? Sicuramente i genitori, i figli, le sorelle, i fratelli, dunque i familiari di primo grado? Ma possiamo estendere anche a nonni, nipoti, zii, cugini? L'interpretazione del governo ha ora dato una prima risposta ma nei prossimi giorni verrà emessa una circolare e verranno aggiornate le risposte alle domande frequenti sul sito del governo per dare certezze. 

Gli spostamenti per gli incontri con i congiunti - questo il decreto lo specifica - sono comunque consentiti all'interno della propria regione.

È anche vero, però, che il nuovo decreto specifica che "è in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza". Un permesso che c'era nei primi decreti e che è stato negato da quando è intervenuto il lockdown totale che aveva disposto il divieto assoluto di spostarsi dal luogo in cui ci si trova in qualsiasi altro Comune. E che ha costretto da un mese e mezzo a rimanere lontano da casa tutti quegli studenti o lavoratori che svolgono le loro attività altrove. Adesso, invece, è stata reintrodotta questa possibilità del ritorno a casa, anche per gli italiani all'estero che dovranno comunque osservare un periodo di quarantena di 14 giorni.


Ultimo aggiornamento: 28/10/2020 18:16