Friuli V.G.

In Friuli meno negozi e più alberghi, bar e ristoranti 

In calo la presenza del commercio al dettaglio in Friuli Venezia Giulia, mentre è in aumento, o almeno tiene, il comparto alberghi, bar e ristoranti. E' la fotografia della situazione in regione che riguarda il periodo 2008-2019, contenuta nell'analisi dell'Ufficio Studi di Confcommercio "Demografia d'impresa nelle città italiane", illustrata oggi a Roma nella sede nazionale della Confederazione e ripresa da una nota di Confcommercio Fvg. L'indagine, realizzata con il contributo di Si.Camera, ha interessato a livello italiano 110 comuni di medie dimensioni capoluoghi di provincia e 10 comuni non capoluogo più popolosi, con la distinzione "centri storici" e "non centri storici". Due capoluoghi su quattro del Fvg, Trieste e Gorizia, figurano nella top ten dei centri storici a rischio declino commerciale. Per fronteggiare il fenomeno dei negozi sfitti nelle città, ha commentato il presidente di Confcommercio Fvg Giovanni Da Pozzo, servono, politiche di rigenerazione urbana innovative".
(Ansa).

Ultimo aggiornamento: 16/01/2021 11:05