Cultura

Dagmar 3

di Norman Zoia

Tre come Trevisan. Come la perfezione numerica. Come il film d’esordio dell’indimenticato Troisi. Come le tre erre di Radio Sorrriso. Come il terzo articolo che dedichiamo, anche per assecondare il noto adagio popolare, a Donna Dagmar, giusto per risottolineare la sua tormentata interpretazione del toccante brano scritto da Gragnaniello per Mimì. Front woman di orchestre e cover band, la cantante padovana è inoltre una voce di punta sulle frequenze dell’emittente diretta da Roberto Gennaro. Da queste onde castellane ci ha tenuto compagnia a tempo di musica, arricchendo altresì il nostro bagaglio culturale: tra un tango loco e un romantico valzer, raccontandoci di valorosi Samurai, di sguardi Maya o della Dea Kali, come per esempio oggi pomeriggio nell’ultima puntata di Forse che sì forse che no a chiusura del palinsesto estivo.

Ultimo aggiornamento: 22/10/2021 08:46