Veneto, Storia

Mussolente, iniziative per ricordare la strage napoleonica del 2 febbraio 1797

di Ettore Beggiato

Il 2 febbraio ricorre l’anniversario della strage compiuta dalla soldataglia napoleonica guidata dal Generale André Massena nei pressi della villa Soderini Drigo sul Monte del Supplicio a Mussolente (Vi).

Siamo nel 1797 e cinque contadini che avevano avuto il coraggio di difendere le loro povere cose vengono passati per le armi: Orso Baldissera di anni 33, Giuseppe Fontana, 34, Francesco Guadagnin,60, Andrea Polo, 48, e il figlio Sgualdo appena diciottenne.

I francesi arrivarono parlando di “libertà, fraternità, eguaglianza”: portarono fame e disperazione, stragi, rapine e razzie. La resistenza nel Veneto e nelle terre della Serenissima fu notevole, e caratterizzò tutti i vari periodi della dominazione napoleonica, con particolare intensità nell’anno 1809, l’anno che vide l‘intera Europa ribellarsi alla protervia napoleonica.

E proprio per ricordare questo tragico evento, il “Comitato per le celebrazioni storiche della Milizia Veneta” in collaborazione con l’associazione “Croce reale – Rinnovamento nella tradizione” e con il patrocinio del Comune di Mussolente ha organizzato due iniziative.

Giovedì
1 febbraio alle ore 20.45 presso la sala consiliare del Comune di Mussolente, piazza della Vittoria, incontro pubblico su “Le insorgenze nelle Venezie” con il dott. Michele Brunelli e con Ettore Beggiato autore di “1809: l’insorgenza veneta”.

Sabato
3 febbraio alle ore 10.00 commemorazione dell’eccidio con una Messa presso il Santuario Madonna dell’Acqua in località Malga Rossa a Mussolente alla quale seguirà una sfilata storica con spari a salve: saranno presenti delegazioni del I° Reggimento Veneto Real e degli Schutzen tirolesi.

Nessun oggetto disponibile.
LE NOSTRE FOTO
I NOSTRI VIDEO
INVIA UN ARTICOLO
SEGNALA EVENTO

ULTIMA EDIZIONE DE "IL PIAVE"

Ultima edizione
ARCHIVIO
EDIZIONI CARTACEE
Ultimo aggiornamento: 12/12/2018 18:16