Venezia

Piave 2018, sopralluoghi con il Genio Pontieri e la troupe Rai

SAN DONA' DI PIAVE - Giornata di conferme e sopralluoghi importanti quella di oggi per l’organizzazione del 66° Raduno Nazionale Bersaglieri “Piave 2018”, che vedrà la sua conclusione con la grande doppia sfilata sul Piave la mattina di domenica 13 maggio 2018.

Alle 10 del mattino, nella sede operativa, i componenti del comitato organizzatore e l’addetto stampa dell’evento hanno accolto il team della RAI giunto per l’occasione dalle sedi di Milano, con la regista Micaela Mason e i suoi tecnici, e Venezia, con il direttore Giovanni Stefani e il gruppo di giornalisti. Dopo essere stati informati sui punti chiave dell’evento, compresi gli eventi collaterali dei giorni precedenti, il gruppo si è spostato lungo il percorso di sfilata per prendere confidenza con gli spazi esterni, in modo da organizzare al meglio la diretta nazionale della sfilata, il cui orario è stato confermato dalle 12.25 alle 13.30 sul terzo canale nazionale.

Alle 10.30 sono poi giunti sul posto per un sopralluogo anche i militari del 2° Reggimento Genio Pontieri di Piacenza, guidati dal Colonello Salvatore Tambè (ingegnere), che dopo confronto con il segretario organizzativo e tecnico per il Comitato Organizzatore del Raduno, Walter Corazza, hanno confermato le scelte progettuali. Alla presenza del Presidente Cattai e del Sindaco Cereser hanno inoltre fissato l’arrivo a San Donà per l’8 maggio 2018, con un importante dispiegamento di militari e mezzi.

Il giorno 10 maggio saranno dunque eseguite le prove per il montaggio del ponte provvisorio, alle quali probabilmente assisterà anche una troupe della RAI. L’11 maggio sarà inaugurato anche un cippo a ricordo del Raduno e a Ringraziamento del Reggimento e dello Stato Maggiore dell’Esercito che ha patrocinato e contribuito all’iniziativa.

Il ponte verrà successivamente predisposto poi, nella giornata di sabato 12 maggio e un’ultima volta la domenica mattina del 13 maggio per la grande sfilata.
Il tempo previsto per la completa predisposizione è infatti di circa coli 60 minuti.
Il PGM è un ponte galleggiante del tipo “a nastro” costituito da elementi modulari in alluminio lunghi 10 metri ciascuno, totalmente autonomi per quanto riguarda la propulsione in acqua e trasportati su semirimorchi trainati da mezzi speciali. Consente il transito di veicoli ruotati e cingolati fino alla classe 70, e può essere usato come traghetto fluviale.

Gli elementi del ponte, che da chiusi hanno larghezza di 3,6 m e altezza 1,3 m, una volta aperti hanno una larghezza di 10,2 m e altezza di 2,1 m. Pesano 10,5 tonnellate ciascuno e permettono di ricavare una careggiata di 4 metri.

I tempi di posizionamento della struttura sono di 50 minuti ogni 100 metri, e sono necessarie 60 unità per detta estesa. Ogni modulo è equipaggiato con 2 motori fuori bordo da 150 CV.

Per l’esercitazione il Reggimento ha previsto l’impiego di 2 tende multifunzione 12x8 m, 1 tenda multifunzione 5x5 m, 15 motrici PGM, 3 bus, 4 veicoli multiruolo, 3 autocarri, 1 autogrù, 5 natanti, 2 torrette di illuminazione e 1 container: in caso d’emergenza la loro evacuazione potrà avvenire in 180 minuti.

Per la realizzazione del progetto, poi, il Comitato Organizzatore dovrà predisporre le rampe provvisorie di raccordo dal piano golenale a livello dell’acqua, della larghezza di fondo di 10 metri, in modo da superare il dislivello di circa 3,5 metri.

Nessun oggetto disponibile.
LE NOSTRE FOTO
I NOSTRI VIDEO
INVIA UN ARTICOLO
SEGNALA EVENTO

ULTIMA EDIZIONE DE "IL PIAVE"

Ultima edizione
ARCHIVIO
EDIZIONI CARTACEE
Ultimo aggiornamento: 18/07/2019 18:28