Mondo

ADANPIB, ricordando la Storia della Immigrazione Italiana

di Roberto Pedro Prudêncio

Associazione dei Discendenti dei Pionieri Italiani in Brasile

Nuove ricerche storiche confermano l`arrivo della prima immigrazione italiana in Brasile, nell`anno 1836. Una comunità di 133 italiani, dopo aver attraversato l`oceano Atlantico, giunse, nella città di Desterro ( oggi chiamata Florianopolis),nello Stato di Santa Catarina. In seguito, percorrendo a piedi circa 70 kilometri, raggiunse São João Batista, dove fu fondata la "Colonia Nova Italia".

Questo evento, rilevante per la storia della immigrazione in Brasile, fu descritto e registrato nelle memorie dello scrittore e storico Josè Boiteaux. La comunità della "Colonia Nova Italia" fu attaccata diverse volte dagli indios, nativi della regione e da loro abitata per centinaia di anni. Inoltre, la colonia soffrì per l`alluvione provocata dal fiume Tijucas e poi, parzialmente decimata a causa di una pandemia. Tuttavia, nonostante la diminuzione del numero degli immigrati, la comunità italiana mantenne un certo equilibrio con le nuove nascite.
La costituzione della Associazione ADANPIB, avvenuta 11 anni fa, si deve ai discendenti delle famiglie dei pionieri: Sardo (Presidente dell`Associazione),Pesco,Zunino,Busano,Mattia,Martini,Tomazoni,Sartori, Angeli,Corsani e altri. Obiettivo della Associazione è quello di recuperare l`aspetto storico di questo pionierismo, divulgando la lingua, la cultura e le tradizioni italiane. Il risultato di queste ricerche ha confermato che la "Colonia Nova Italia", è stata la prima a essere fondata, dopo che il gruppo di italiani aveva raggiunto il Brasile.
 
In una recente assemblea della Associazione ADANPIB, fu eletto come consigliere economico e amministrativo, il dott. Carlos Prudencio. magistrato di Santa Catarina. Il dott. Prudencio, dal 1992, è stato attivo negli scambi culturali tra Brasile e Italia, incentivando studi di diritto, confrontando la legislazione brasiliana e italiana, congiuntamente con la legislazione Europea. Nella stessa assemblea, il prof. Gian Pietro Bontempi, giornalista corrispondente della stampa italiana in Brasile, è stato eletto, con il titolo di Direttore del Dipartimento Culturale, e Linguistico di ADANPID. 

Il prof. Bontempi, concertista, scrittore, impresario, dal 1980, partecipa alla vita culturale in Brasile, dopo essere stato invitato da parte della Ambasciata Italiana di Brasilia, a eseguire un recital di piano per i membri della Sede Diplomatica. I suoi articoli come giornalista e scrittore trattano diversi temi: arte, musica, economia, politica, costume, pubblicati in Europa e in Brasile.

ADANPIB, come obiettivo principale si occupa della valorizzazione della cultura italiana che nel corso dei secoli ha avuto un ruolo fondamentale nella divulgazione di arte e scienza in Europa e nel mondo. Un contributo attualmente vivo con gli scambi culturali e didattici tra università e altri centri di studio e ricerca.
La presenza delle primo nucleo di italiani in Santa Catarina e la fondazione della "Colonia Nova Italia", nel municipio di São João Batista, nel 1836, ha aperto il cammino a una nuova civiltà, allo sviluppo sociale e economico negli Stati del Sud del Brasile, come il popolamento di altre regioni, inclusa la città di San Paolo, diventata il maggior centro commerciale e culturale dell`America Latina.

Tra l`altro, la regione di São João Batista, negli ultimi decenni, ha sviluppato una forte economia basata nell`industria, diventando il maggior centro produttivo di calzature di Santa Catarina e uno dei maggiori in Brasile. In gran parte, il merito di questo imponente sviluppo commerciale e industriale, va ai discendenti dei primi immigrati italiani che portarono dalla Toscana e dalla regione prossima a Firenze, la tecnica di fabbricazione delle calzature, utilizzando il materiale naturale del cuoio animale, prodotto in quantità in Santa Catarina.
Roberto Pedro Prudêncio
Avvocato e Giornalista

Ultimo aggiornamento: 21/02/2024 21:14