Italia, Politica

Agricoltori Bolzano, situazione diversa da quella di altri Paesi

BOLZANO - Abbiamo ottenuto molto negli ultimi anni, e da pochi giorni abbiamo anche una nuova Giunta provinciale, in cui riponiamo grandi speranze. Nel complesso, la nostra situazione è leggermente diversa da quella di altri Paesi.

In caso, dovremmo scendere in piazza a Roma o a Bruxelles, non a Bolzano". Lo ha detto Leo Tiefenthaler, che dopo 15 anni è giunto alla fine del suo mandato di presidente dell'Unione agricoltori sudtirolesi, in merito alle proteste degli agricoltori che stanno attraversando l'Europa. Il Consiglio provinciale degli agricoltori - informa una nota - ha deciso di non partecipare a quelle indette a Bolzano.

"Da dieci anni richiamiamo l'attenzione dei politici sul fatto che i lupi, in particolare, rappresentano un problema per l'agricoltura di montagna. Lo status di protezione deve essere abbassato a tutti i costi. Attualmente pervengono solo alcuni segnali positivi da Bruxelles". Così Leo Tiefenthaler, presidente uscente dell'Unione agricoltori sudtirolesi. Nella sua ultima riunione a porte chiuse, Tiefenthaler ha trattato anche i temi dell'acqua e del consumo di suolo.

Sul primo, ha detto che "la sicurezza dell'approvvigionamento idrico deve rimanere una delle principali preoccupazioni dell'Unione agricoltori sudtirolesi. Siamo riusciti ad ancorare l'uso delle risorse idriche per l'irrigazione al secondo posto nel piano di utilizzo dell'acqua".

In merito al consumo di suolo, ha lanciato un appello: "Dobbiamo proteggere ancora meglio i terreni agricoli, perché il loro numero è esiguo". "Naturalmente - ha aggiunto Tiefenthaler - comprendiamo che terra e terreni sono necessari per lavorare, vivere e creare infrastrutture. Tuttavia, dobbiamo innanzitutto utilizzare i volumi esistenti che sono attualmente liberi.

Questo potrebbe ridurre significativamente il consumo di base. A tal fine, è necessario modificare il sistema di sovvenzioni. Finché sarà più interessante costruire su aree verdi piuttosto che sfruttare terreni inutilizzati, la gente costruirà su aree verdi. Non sono necessari altri fondi, ma è sufficiente che questi vengano destinati maggiormente alle ristrutturazioni anziché alle nuove costruzioni".

Ultimo aggiornamento: 14/04/2024 21:13