Politica, Treviso, Opitergino Mott., Veneto

Amministrative, a Motta di Livenza c'è UniamoMotta. Un'opportunità di cambiamento

di I.P.

Ercole Girotto
Stefania Buran
MOTTA DI LIVENZA (Tv) – Maggio 2023 sarà un mese decisivo per molte amministrazioni comunali, nelle giornate del 14 e del 15 infatti molti cittadini della Marca dovranno recarsi alle urne per scegliere il primo cittadino. Uno di questi comuni è Motta di Livenza dove sarà in corsa anche la lista Civica Girotto Sindaco-UniamoMotta formata dall’ex vicesindaco e da una squadra composta da dieci uomini e sei donne provenienti dagli ambiti professionali più diversi. Pure l’età comprende diverse fasce così da poter rappresentare al meglio la società mottense, ben tre giovani ventenni hanno deciso di affiancare persone con ampia esperienza in vari campi.

Scorrendo i nomi della lista noto quanto sia variegata, si va dall’avvocato al commercialista, dall’operatrice socio-sanitaria all’allevatore, dall’agente immobiliare alla casalinga fino all’odontotecnico così da coprire vari settori e avere un contatto con realtà umane, lavorative ed economiche diverse e naturalmente abilità in vari campi che risultano ottimali per assicurare la buona amministrazione della città. Uno dei candidati ha avuto anche dei trascorsi nel mondo del calcio e conosce molto bene il mondo delle discipline sportive.

Scambio qualche parola con una delle candidate, Stefania Buran, molto conosciuta nella comunità per il suo impegno e la sua disponibilità nell’andare incontro alle esigenze dei suoi concittadini, una persona schietta e sensibile tanto che la sua forza di volontà ed il suo amore per Motta di Livenza l’ha portata ad avere nella precedente tornata elettorale il più alto numero di preferenze e a compiere una scelta, difficile ma che sente essere la strada giusta, consona agli ideali che in questi anni l’hanno guidata in un lungo percorso amministrativo che le consente di avere un buon bagaglio di esperienza, utile anche per gli altri componenti della lista.

Nessuna lotta aspra, è questo quel che si augura la lista Girotto Sindaco-UniamoMotta , ma tutto deve svolgersi come un confronto e come tale deve essere vissuta questa campagna elettorale volta ad evidenziare i punti del programma senza grandi promesse ma iniziando dalle cose fondamentali che permettano di poter sentire Motta di Livenza come la casa di ogni mottense. I punti di forza sono l’ambiente ed il sociale, puntando naturalmente anche sui bandi che restano un valido e necessario strumento finanziario per riuscire a raggiungere gli obiettivi. Tra i primi punti da prendere in esame ci sarà la sistemazione del Livenzetta, è la porta d’ingresso della città e merita di riavere l’aspetto che sia più consono al suo ruolo, così da essere un bellissimo biglietto da visita per chi giunge a Motta di Livenza. Altro obiettivo sarà la cura e la pulizia dell’ambiente , altro punto di forza per rendere tutto il territorio comunale più bello e ordinato , iniziando dalla cura del verde fino al posizionamento di cestini. Certo c’è la consapevolezza del fatto che le risorse per il comune siano ridotte così come il personale, però è necessario dare soluzione ai problemi grandi e piccoli delle persone.

Per quanto quel che concerne il sociale pensiamo soprattutto agli anziani, naturalmente non dimenticando i giovani che si trovano ad affrontare situazioni difficili, mancando tra l’altro la certezza del lavoro, e le giovan coppie che si trovano a fare fatica a far fronte alle spese sempre più alte, così come accade ai pensionati. Abbiamo pensato ad un progetto per gli anziani, creare dei mini appartamenti dove possano continuare ad essere autonomi, sia se single sia si tratti di coppie. Pensiamo a persone anziane che non sono in gradi di essere totalmente autonome ma conservano ancora la capacità di gestirsi e di svolgere piccole attività quotidiane. Questi alloggi potrebbero essere in prossimità di case di riposo così da avere all’occorrenza l’assistenza sanitaria ed il servizio pasti a domicilio ma contemporaneamente continuando a vivere la loro vita. Potrebbero per esempio curare un giardino, un orto sentendosi ancora attivi e soprattutto continuando a sentirsi nel loro ambiente familiare. Non sarà semplice ma è un’idea condivisa dal gruppo che cercheremo di portare avanti.

Vista la situazione attuale altre idee potranno prendere forma nel tempo, in base alle esigenze in quanto visto il periodo è difficile fare progetti a lungo termine e la situazione politico-economica attuale certo non aiuta nella programmazione a lungo termine. Il quadro globale è in continua evoluzione, altre proposte matureranno con il tempo. E rimanendo sull’argomento un altro tema che dovrà essere affrontato sarà quello delle case popolari data la difficoltà di molti nel pagare l’affitto, le richieste di aiuto sono molte e sono in crescita.

La cultura avrà anch’essa un ruolo importante coinvolgendo le varie associazioni. La cultura è basilare per la crescita umana di ognuno di noi ma anche per lo sviluppo economico della città, si possono creare collaborazioni tra attività, enti e realtà importanti quali l’Oras e la Basilica, in maniera da poter lavorare in sinergia con l’amministrazione comunale per la valorizzazione del territorio, senza dimenticare altri luoghi storici ed artistici che andranno rivalutati. Si possono organizzare eventi richiamando in città persone che naturalmente creano movimento nell’economia cittadina. Saranno portati avanti eventi già collaudati e che hanno avuto buoni riscontri, ma valutiamo di sviluppane degli altri che si possono affiancare a quelli già esistenti.

Ai gazebo il risconto è stato buono, la gente sembra molto interessata e la campagna elettorale è sentita, probabilmente anche alla luce degli avvenimenti accaduti nei mesi scorsi e che hanno creato un’atmosfera particolare. Ma l’ascolto non manca mai, le richieste e le proposte dei cittadini trovano la giusta attenzione perché alla fine sono loro a decidere e possono avere la possibilità di scegliere per un cambiamento.

Per questo il programma presentato non si basa su grandi promesse ma su quelle questioni che riguardano la vita quotidiana delle persone, temi essenziali che vanno dritti al punto così che le risposte siano puntuali ed immediate per risolvere piccoli e grandi problemi, in una collaborazione tra amministrazione e cittadini che si impegnano a far crescere Motta di Livenza, così da farla diventare “più unita, più bella ed accogliente, più viva e solidale”, come recita con semplicità e sincerità lo slogan del candidato sindaco Girotto Uniamo Motta.

I.P.

Ultimo aggiornamento: 13/06/2024 20:27