Treviso, Conegliano

Confrestauro's Heritage, appuntamento a Conegliano il 12 luglio

CONEGLIANO (TV) - Appuntamento Venerdì 12 luglio, alle ore 17 , per Confrestauro’s Heritage , l’evento organizzato da Confrestauro , l’associazione che riunisce restauratori, aziende produttrici di materiali, architetti ed esperti del settore e che conta oggi 130 soci e 30 aziende associate, per illustrare le nuove collaborazioni e i prossimi obiettivi . Sede dell’incontro Conegliano (in Viale Venezia 135), la città dai tesori nascosti e dalle atmosfere incantate, dove l’arte e la cultura tracciano i confini del territorio.

Ad aprire i lavori e a dare il benvenuto ai partecipanti, il Presidente di Confrestauro Alberto Rui che, con un profondo amore per l’arte e un percorso professionale dedicato alle dimore storiche e agli edifici religiosi, ha fondato nel 2023, insieme ai soci fondatori, l’Associazione con l’obiettivo di far crescere la consapevolezza e l’importanza attorno al restauro Made in Italy.

Seguono la presentazione del nuovo sito e i progetti futuri di Confrestauro che vedono l’attivazione di nuove importanti collaborazioni e di servizi offerti agli associati , come per esempio quella con il magazine Kermes , punto di riferimento del settore del restauro, illustrata dall’architetto Giuseppe Cangialosi, dello Studio mzc+ e Presidente Fondazione Architettura Treviso, e ancora la partnership con VirArt ODV , l’organizzazione con sede a Bastia Umbra, nata da un gruppo di professionisti a seguito degli eventi sismici del 2016.

OBIETTIVO DELL'INIZIATIVA
L’obiettivo è promuovere e diffondere la conoscenza dei beni culturali, senza dimenticare la collaborazione con ANACI , l’associazione che unisce gli amministratori condominiali, che verrà presentata da Maurizio Ceschin, tesoriere della Sezione Veneto, e quella appena siglata con Venetian Cluster che si occupa di sviluppare e promuovere progetti d’innovazione, trasferimento tecnologico e ricerca attraverso l’aggregazione multidisciplinare di partner pubblici e privati. Maurizio Malè, Cluster Project Manager illustrerà alcuni dei servizi e delle convezioni riservati agli associati di Confrestauro, tra cui l’informazione periodica delle opportunità di finanziamento e cofinanziamento a livello regionale, nazionale e internazionale per i differenti settori di competenza, la formazione per la partecipazione ai bandi regionali, nazionali e internazionali europei, l’affiancamento allo studio di fattibilità, predisposizione, presentazione e partecipazione a progetti sui bandi di finanziamento e cofinanziamento europei, nazionali e regionali, la partecipazione a eventi, workshop ed iniziative nazionali o internazionali utili allo sviluppo economico e culturale e di networking.

La mission di Confrestauro è duplice. Da una parte, quella di rappresentare e promuovere il settore del restauro e della conservazione del patrimonio storico e artistico italiano e di farlo diventare un asset economico fondamentale su cui puntare. Dall’altra, quella di fare rete con le eccellenze specializzate nei vari ambiti del settore : dalla progettazione alla parte applicativa del restauro, fino ai materiali e ai sistemi innovativi. Confrestauro si avvale della collaborazione di professionisti, architetti e imprese con solide basi culturali e tecniche , maturate sia in ambito accademico sia nella professione, attraverso esperienze specifiche, che permettono di avere gli strumenti più efficaci per collocare il manufatto nella sua corretta cornice storica e artistica di riferimento, nel suo contesto geografico e nel suo ambito tecnologico.

“ La consapevolezza del valore dell’oggetto su cui operare e l’esperienza come repertorio di soluzioni cui attingere ”, dichiara il Presidente Alberto Rui, “ ci permettono di avere un approccio di particolare sensibilità nei confronti della conservazione del patrimonio artistico. Ci piace dire: preserviamo il passato e plasmiamo il futuro. ”

PROGETTI E COLLABORAZIONI
A oltre un anno dalla sua fondazione, i progetti e le collaborazioni che hanno visto l’Associazione in prima linea sono stati diversi e molti altri sono tuttora in programma. Confrestauro è molto attiva, per esempio, nel promuovere la formazione dei giovani restauratori e nel garantire loro l’accesso al mondo del lavoro . Per questo sono state avviate collaborazioni con diverse scuole di restauro e organizzati eventi e iniziative per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro.

Un esempio è la Scuola di Botticino che si è rivelata un partner strategico, grazie all’alta qualità della formazione offerta che permette di entrare in contatto con giovani restauratori talentuosi, pronti a dare un contributo importante al settore in Italia. Molto importante anche la collaborazione con l’Istituto per l’arte e il Restauro Palazzo Spinelli a Firenze. Allo stesso modo, di grande importanza la partnership con aziende altamente specializzate nel settore come, per esempio, Keim, G.E. Ponteggi, Calchèra San Giorgio, Fila, Agosti Nanotherm, e anche il Gruppo Leonardo Solutions – Domodry, proprietario della Tecnologia a Neutralizzazione di Carica CNT, la soluzione scientificamente validata che interrompe l’umidità di risalita nelle murature, un problema che minaccia gran parte del patrimonio storico.

PROPOSITI PER IL FUTURO
“ Gli obiettivi per i prossimi due anni sono molto ambiziosi e sfidanti ”, continua il Presidente Rui. “ Confrestauro è paragonabile sempre di più a un grande contenitore con all’interno sezioni diverse. Se per la formazione, ci avvaliamo dell’accordo siglato con l’ Associazione Valori Italia , abbiamo in atto anche nuove collaborazioni con Assoverde , con la Fondazione beni culturali ebraici in Italia , con ANACI , l’associazione che unisce gli amministratori condominiali. In aggiunta, è di questi giorni la firma dell’attivazione di una nuova partnership con VirArt , l’organizzazione con sede a Bastia Umbra, nata da un gruppo di professionisti a seguito degli eventi sismici del 2016 con l’obiettivo di promuovere e diffondere la conoscenza dei beni culturali.

Confrestauro sarà parte attiva nell’organizzazione del III convegno nazionale sulla gestione del patrimonio culturale in situazioni di emergenza che VirArt sta organizzando a fine ottobre a Vallo di Nera in provincia di Perugia.” L’obiettivo di Confrestauro è di puntare sempre più in alto per diventare, entro il 2025, protagonisti del patrimonio storico culturale italiano.

Ultimo aggiornamento: 15/07/2024 12:08