Cultura

Golpe di sole

di Norman Zoia

Era dura prendere il testimone nella fascia oraria dei Sociopatici, specie di questi olimpici tempi. Il palinsesto di Radio 2 però, tra passate di bianchetto e riscritture come in fondo l’etimologia richiede, non smette di stupirci e piazza in studio una voce femminile in odor di relatività: generale, speciale e teatrale. Infatti, dal monologo quantistico e altresì qualistico, scritto e interpretato dalla nostra Gabriella-Ipazia, fisica bestiale celestiale (l’abbiamo vista a Linea Notte su Rai 3 giusto due sere fa), ecco che piovono in onda finalmente anche dei gustosi scampoli filosofici. Formato inoltre dalla storica popolare presenza di Marco Ardemagni - conduttore di Catersport per intenderci - e da Alessandro Mannucci, una delle affilate penne di Rolling Stone, è venuto a delinearsi uno splendido terzetto, attrezzato per intrattenerci controcorrente nei pomeriggi feriali. Cinque settimane filate, il primo quinto delle quali volato via leggero ma intenso, più veloce di un neutrino. Finora si è parlato di prosciutto & melone, il piatto che dovrebbe metter d’accordo cannibali e vegani. Si è guardato con raccapriccio alle infradito o sottintese infraclito. Rimarcando la smisurata differenza fra turisti e viaggiatori. Decantando il vuoto-simbolo della vacanza, là sulla sabbia che è entropia per eccellenza. Ma quanti altri controcolori nella scala di Greison! Ci riferiamo a lei in particolare non solo per galanteria ma anche in virtù di quel suo QI allo stesso livello di Freud e di Bill Gates, che è molto più di un qb (quel quanto basta che nelle ricette, non esclusivamente estive, lascia in fondo libera valutazione sia allo chef di turno sia a chi sta davanti a un microfono). Soprattutto perché poi racconta la scienza con brillante poesia, Gabriella. Come nel cuore di una nuova stella.

Ultimo aggiornamento: 21/02/2024 21:14