Cultura, Friuli V.G.

Polesini e la sua dinastia ai Colloqui dell' Abbazia

ROSAZZO (UD) - L'ultimo appuntamento dell'anno della rassegna "I Colloqui dell'Abbazia. Il viaggio della carta geografica di Livio Felluga" curata e condotta da Elda Felluga e Margherita Reguitti, è fissato per questo pomeriggio nella millenaria Abbazia di Rosazzo, quando sarà protagonista lo scrittore, giornalista e critico cinematografico, Gian Paolo Polesini con il suo ultimo libro "Polle.Il figlio unico" (L'orto della cultura).

Il volume è Una simpatica autobiografia che ripercorre la storia di una dinastia ormai perduta, il marchese Polesini racconta la nobiltà di un casato azzerato dalla Storia. Gian Paolo Polesini è ultimo discendente di questa famiglia che, dalla metà del Quattrocento al 4 agosto del 1944 - tredici anni prima della sua nascita - ha vissuto nella ricchezza, soprattutto nel Settecento, età favorevole all'ascesa sociale dei cinque fratelli Polesini che furono nominati Marchesi dal Doge Paolo Ranieri. Il racconto ne risulta divertente, mai retorico e rispettoso della gloria accumulata dalla stirpe di sette secoli, compresa la drammatica parentesi degli istriani esodati. Anche sulla famiglia Polesini si abbatterono come un tornado le vicende del secondo dopoguerra: tutti i loro beni vennero nazionalizzati dai nuovi poteri popolari jugoslavi.
Negli anni '40 quando il padre dello scrittore, Benedetto, si ritrovò in Russia, tenente interprete fra gli ufficiali italiani e quelli tedeschi; poi il un finale aperto guarda caso nuovamente "istriano".

Ultimo aggiornamento: 27/02/2024 18:01