Treviso, Veneto

Refrontolo (TV) , pubblicato il bando aiuti per le micro imprese

REFRONTOLO (TV) - Il comune di Refrontolo rende noto che è stato pubblicato il Bando aiuti per le micro imprese finanziato dal DPCM 20/09/2020, che mira prevalentemente al sostegno alle attività produttive dei comuni delle aree interne e montane. I contributi sono a fondo perduto e destinati alle micro e piccole imprese, annualità 2022.

Di seguito sono specificati punto per punto i requisiti necessari per accedere ai fondi.
1. Finalità ed obiettivi
Con DPCM del 24 settembre 2020 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – Serie Generale – n. 302 del 4 dicembre 2020 è stata approvata l’assegnazione di fondi specifici destinati ai Comuni delle aree interne e montane per il triennio 2020-2022, finalizzati al sostegno delle attività produttive
economiche, artigianali e commerciali dei piccoli comuni montani.
I fondi possono essere utilizzati per sostenere economicamente micro e piccole imprese, attraverso l’erogazione di contributi a fondo perduto per finalità riportate all’art. 4 del presente bando.

2 . Dotazione finanziaria
Le risorse complessivamente stanziate dal Comune di Refrontolo con il presente bando ammontano ad € 22.359,00 per l’annualità 2022.

3. abbiano sede operativa nel Comune di Refrontolo;

4. non abbiano già ottenuto il contributo nelle annualità 2020 e 2021;
Inoltre devono possedere congiuntamente tutti i seguenti requisiti:
a) svolgano l’attività dal almeno dal 01/01/2021e siano regolarmente costituite e iscritte al registro delle imprese almeno dal 01/01/2021;
b) non siano in stato di liquidazione o di fallimento e che non siano soggette a procedure di fallimento o di concordato preventivo;
c) siano in regola con gli obblighi contributivi, come attestato dal Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC).

I requisiti di ammissibilità devono essere posseduti alla data di presentazione della domanda (il requisito di cui alla lettera d) deve essere posseduto anche al momento dell’erogazione del contributo).
Ciascuna impresa può presentare una sola domanda di contributo a valere sul presente bando.

5. Interventi agevolabili
Sono ammissibili gli interventi di rilancio e riqualificazione di attività già esistenti ivi compresi quelli di adeguamento strutturale, organizzativo e funzionale dell’attività alle nuove esigenze di sicurezza e protezione della collettività e dei singoli consumatori a seguito dell’emergenza Covid-19 (protezione dei lavoratori, distanziamento sociale all’interno ed esterno delle strutture, pulizia e sanificazione, segnaletica ecc.), come previsto dal DPCM 24/09/2020.

6. Spese ammissibili e spese non ammissibili
Sono ammissibili i seguenti interventi:
A. Spese in conto capitale:
• Opere edili private (ristrutturazione, ammodernamento dei locali, lavori su facciate ed esterni
ecc.);
• Installazione o ammodernamento di impianti;
• Arredi e strutture temporanee (es: arredo per plateatico);
• Macchinari, attrezzature ed apparecchi, comprese le spese di installazione strettamente collegate;
• Veicoli da destinare alla consegna a domicilio o all’erogazione di servizi comuni;
• Acquisto di hardware e software gestionali e/o realizzazione siti web, e-commerce ecc. INDICAZIONI UTILI ALL’UTENZA
B. Spese di parte corrente:
• Materiali e macchinari per la protezione dei lavoratori e dei consumatori e per la pulizia e
sanificazione dei locali e delle merci;
• Canoni annuali per l’utilizzo di software gestionali, siti web ecc.;
• Servizi di pulizia e sanificazione dei locali e delle merci;
• Corsi di formazione in tema di sicurezza e protezione di lavoratori e consumatori, comunicazione
e marketing, tecnologie digitali;
• Canoni di locazione per l’immobile sede dell’attività;
• Utenze e tributi comunali;
• Attivazione nuovi servizi correlati all’attività o all’ampliamento della stessa (es. attività di consegna
• a domicilio, prenotazioni, vendita a distanza).
Non sono ammissibili:
- Le spese in auto-fatturazione/lavori in economia;
- Le spese fatturate da fornitori che si trovino con il cliente in rapporti di controllo, come definiti
ai sensi dell’art. 2359 del c.c., o che abbiano in comune soci, amministratori o procuratori con
poteri di rappresentanza;
- Le spese per l’acquisto di beni usati ovvero per il leasing di impianti, arredi, macchinari, attrezzature e veicoli;
- Le spese per servizi continuativi, periodici o connessi ai normali costi di funzionamento del
soggetto beneficiario (come la consulenza fiscale e contabile ordinaria ed i servizi regolari);
- Le spese di viaggio (trasferta, vitto e alloggio);
- Le spese per personale dipendente.

7. Caratteristiche dell’agevolazione. L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto, a fronte di un
budget di spesa liberamente composto da spese in conto capitale e spese di parte corrente, al netto di IVA.
Non è prevista una soglia minima di investimento per avere accesso al contributo. Il contributo sarà concesso fino ad esaurimento dei fondi disponibili, pari ad € 22.359,00 . L’importo massimo del contributo sarà rapportato al numero delle domande presentate. Qualora si verifichino economie sul totale del contributo disponibile di € 22.359,00 la somma sarà ulteriormente ripartita tra gli idonei aventi diritto. Alle imprese già finanziate con il medesimo bando nel 2021 nel 2022 non sarà riconosciuto
alcun contributo.
INDICAZIONI UTILI ALL’UTENZA
Se gli importi delle spese sostenute dalle imprese risultassero inferiori al contributo massimo teorico assegnabile, questo verrà ridotto fino al raggiungimento delle spese sostenute e l’avanzo redistribuito alle altre imprese aventi diritto. Se gli importi delle spese sostenute dalle imprese risultassero inferiori al contributo massimo teorico assegnabile, questo verrà ridotto fino al raggiungimento delle spese sostenute e l’avanzo
redistribuito alle altre imprese aventi diritto.

8. Modalità di presentazione delle richieste di contributo .Le domande di contributo devono essere presentate a partire dalla data di pubblicazione del presente bando e fino al 19 giugno 2023, tramite PEC all’indirizzo istituzionale del Comune di Refrontolo protocollo.comune.refrontolo.tv@pecveneto.it
Le domande che perverranno successivamente al termine sopra indicato non saranno ammesse al contributo di cui trattasi. Per presentare domanda le imprese dovranno utilizzare esclusivamente la modulistica allegata, scaricabile in formato word dal sito istituzionale del Comune.

9. Determinazione del contributo. Il contributo sarà attribuito secondo quanto disposto dal precedente art. 7. Il Responsabile del Settore, con apposito provvedimento, approva l’elenco delle domande ammesse e finanziate entro il 30 giugno 2023. Ai soggetti ammessi verrà data comunicazione scritta dell’ammontare dell’importo del contributo riconosciuto tramite PEC. L’impresa dovrà presentare la rendicontazione finale delle spese sostenute, se non allegate alla domanda in quanto non ancora disponibili, a partire dal giorno successivo alla comunicazione di
avvenuto finanziamento ed entro e non oltre il 30 giugno 2023 utilizzando il modulo Allegato B.
La liquidazione del contributo verrà effettuata in un’unica soluzione, mediante accredito sull’IBAN del conto corrente bancario o postale del beneficiario dichiarato in domanda, a seguito dell’approvazione degli elenchi delle domande ammissibili.

Il Comune si riserva la facoltà di richiedere all'impresa - tramite PEC - ulteriore documentazione e/o chiarimenti ad integrazione della domanda.
Per le misure temporanee di aiuto di cui al presente bando, è prevista la possibilità di cumulo con i regimi di aiuti previsti dal Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale epidemia di COVID-19, e ss.mm.ii., conformemente alle disposizioni di
cui alle sezioni specifiche dello stesso.

10. Periodo di ammissibilità della spesa ed obblighi dei soggetti beneficiari
Sono ammissibili le spese effettivamente sostenute dall’impresa beneficiaria, ritenute pertinenti e direttamente imputabili al progetto, fatturate e liquidate nel periodo: 16 marzo 2022 – 15
marzo 2023.

INDICAZIONI UTILI ALL’UTENZA
I soggetti beneficiari, pena la revoca dell’agevolazione, oltre a quanto specificato nei punti
precedenti, sono tenuti a:
- Aver realizzato gli interventi in conformità a quanto dichiarato;
- Rendicontare le spese sostenute entro il 19 giugno 2023 ;
- Conservare la documentazione fiscale per un periodo di 10 anni;
- Mantenere la destinazione d’uso dei beni per 5 anni dalla data di concessione del contributo,
- essere in regola con gli obblighi contributivi, come attestato dal Documento Unico di
Regolarità Contributiva (DURC).

I soggetti beneficiari, pena la revoca dell’agevolazione, oltre a quanto specificato nei punti
precedenti, sono tenuti a:
- Aver realizzato gli interventi in conformità a quanto dichiarato;
- Rendicontare le spese sostenute entro il 19 giugno 2023 ;
- Conservare la documentazione fiscale per un periodo di 10 anni;
- Mantenere la destinazione d’uso dei beni per 5 anni dalla data di concessione del contributo,
- essere in regola con gli obblighi contributivi, come attestato dal Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC).

11. Regime di aiuto . Gli aiuti sono concessi ed erogati nel rispetto del Regolamento UE n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013 (pubblicato sulla G.U. dell’Unione Europea L 352 del 24/12/2013) relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione Europea agli aiuti “de minimis”, ai sensi del quale una impresa unica, come definita ai sensi dell’art. 2.2 del Regolamento stesso, può ottenere aiuti “de minimis” a qualsiasi titolo
complessivamente non superiori a € 200.000,00 (€ 100.000,00 per il settore del trasporto merci per conto terzi) nell’ultimo triennio.

12. Revoche, controlli e rinunce
Il contributo concesso in attuazione del presente bando viene revocato in caso di:
- mancato rispetto degli obblighi previsti dal bando, ovvero nel caso in cui l’investimento
- riscontro della mancanza o del venir meno dei requisiti di ammissibilità sulla base dei quali è
stata approvata la domanda di contributo; realizzato non sia conforme, nel contenuto e nei risultati conseguiti, all’investimento ammesso
a contributo;
- rilascio di dichiarazioni ed informazioni non veritiere, sia relativamente al possesso dei requisiti previsti dal bando, sia in fase di realizzazione e rendicontazione degli investimenti, sia rispetto alle dichiarazioni de minimis (Regolamento UE n.1407/2013);
- rinuncia al contributo ovvero alla realizzazione dell’investimento dandone comunicazione al Comune mediante raccomandata o PEC. Il Comune effettuerà i controlli.

13. Informativa relativa al trattamento dei dati personali.Si informa che, in armonia con quanto previsto dal Regolamento Europeo sulla protezione dei
dati personali 2016/679, dal D.Lgs 30 giugno 2003 n. 196 e dal D.Lgs 10 Agosto 2018 n. 101, i dati acquisiti in esecuzione del presente bando verranno utilizzati esclusivamente per le finalità relative al procedimento amministrativo per il quale gli anzidetti vengono comunicati, secondo le modalità previste dalla legge e dai regolamenti vigenti. 

INDICAZIONI UTILI ALL’UTENZA
14. Informazioni sul procedimento
Responsabile del presente bando è il sig. Mauro Canal, Responsabile del Settore Amministrativo e Economico Finanziario.
Per chiarimenti sui contenuti del Bando e la modalità di presentazione delle domande,contattare:
1) L’Ufficio Segreteria del Comune di Refrontolo, tel. 0438 978103, e-mail
segreteria@comunedirefrontolo.it ; Copia integrale del presente bando e dei relativi allegati è pubblicata sul sito del Comune di Refrontolo.
L’impresa interessata può richiedere l’accesso ai documenti amministrativi ai sensi della Legge 241/1990 e ss.mm.ii. e del D.Lgs. 14.03.2013 n. 33.

15. Elenco Allegati
ALLEGATO A) MODULO DI DOMANDA
ALLEGATO B) MODULO RENDICONTAZIONE E RICHIESTA LIQUIDAZIONE

Per maggiori informazioni rivolgersi al Comune di Refrontolo, Servizio Amministrativo e Economico-Finanziario
Responsabile di istruttoria: Mariapia Fornasier tel. 0438/978103 email: segreteria@comunedirefrontolo.it
Orario apertura: da lunedì a venerdì dalle 9.00-12.30

Ultimo aggiornamento: 13/06/2024 20:27