Mondo, Cultura

Ricercatrice Ca' Foscari scopre dipinto di Bellini in Dalmazia

DALMAZIA - Nel piccolo museo allestito di recente nel monastero delle benedettine sull'isola di Pago (Pag), in Dalmazia, si conserva un dipinto della metà del Quattrocento raffigurante una Madonna con il Bambino, che tiene nelle mani un frutto, all'apparenza un melograno: l'opera è stata attribuita da una ricercatrice dell'università Ca' Foscari di Venezia a Giovanni Bellini.

Si tratta di un dipinto su tavola, 54,5 x 44,5 centimetri, che mostra ingenti problemi di conservazione. Ma allo sguardo attento di Beatrice Tanzi, dottoranda in Storia delle Arti a Ca' Foscari, non è sfuggita la straordinaria qualità del dipinto.

La tavola, per la studiosa, è infatti da riferirsi al giovane Giovanni Bellini tra la metà degli anni Cinquanta e la metà dei Sessanta del Quattrocento, lo stesso periodo dei Trittici della Carità delle Gallerie dell'Accademia di Venezia. Il dipinto mostra estese cadute di colore, ma le parti rimaste integre rivelano una qualità raffinatissima, inoltre il quadro non ha subito importanti ridipinture.

La tavola era nota da circa un quarantennio sotto erronee attribuzioni - tra la bottega di Francesco Squarcione, l'ambito di Andrea Mantegna e Bartolomeo Vivarini - ma solamente nella storiografia croata, rimanendo esclusa dal dibattito internazionale. L'attribuzione a Bellini è quindi una novità vera e propria, tanto che il nome del pittore non era mai entrato nella discussione. La datazione è stata ipotizzata intorno al 1460.

Ultimo aggiornamento: 27/02/2024 18:01