Mondo

Tempesta nel Rio Grande do Sul, l’Unaie è vicina alle comunità di discendenti italiani

«Siamo vicini ai nostri “fratelli” italiani duramente colpiti dalla tempesta tropicale che ha interessato lo Stato del Rio Grande do Sul, Brasile». Sono le parole di Oscar De Bona, presidente Unaie - Unione Nazionale Associazioni Immigrati ed Emigrati, che in questi giorni è in stretto contatto con i rappresentanti delle Associazioni in emigrazione presenti in questa zona brasiliana.

«Nel Rio Grande do Sul c’è una forte presenza di discendenti veneti, trentini e friulani, che rappresentano quella emigrazione iniziata alla fine dell’Ottocento e che ha portato in Brasile milioni di italiani. Purtroppo nella furia di questo uragano sono stati distrutti, irrimediabilmente, dei luoghi simbolo della nostra storia, come le prime case abitate da coloni veneti, trentini e friulani. Non dobbiamo inoltre dimenticare le vittime e i migliaia di sfollati che hanno perso tutto. A loro va la nostra solidarietà e a tal proposito lancio un appello alle Istituzioni italiane, affinché possano dare il proprio contributo a sostegno dei nostri discendenti, dei nostri “fratelli”».

Ultimo aggiornamento: 21/02/2024 21:14